TOP

Alimentazione negli ultimi mesi di gravidanza

Ho passato i miei ultimi mesi di gravidanza d’estate. Un figlio è nato a settembre e l’altro a fine luglio. Se da una parte, quando sei alla fine, ossia ti senti una balena, il caldo non aiuta, dall’altra parte l’estate ti porta a mangiare cibi più freschi e sani.

Fortunatamente, entrambe le mie gravidanze sono state fisiologiche: pressione sempre sotto i piedi, glicemia perfetta e aumento di peso nella norma, quindi non avevo nessun tipo di limitazione sull’alimentazione.

Nonostante questo mi sono sempre affidata a un nutrizionista: volevo avere il mio schema alimentare da seguire, non solo per una questione di controllo del peso, ma anche per una questione di bilancio di nutrienti. E anche per mettere a tacere tutti quelli che avevano da dire su quello che avevo nel piatto e su cosa avrei dovuto mangiare: la mia risposta era sempre la stessa “sto seguendo lo schema del mio nutrizionista!”

Inoltre, grazie a lui, ho sfatato qualche mito sull’alimentazione e sul peso in gravidanza.

Bisogna prendere al massimo 9 kg: vero e falso.

Dipende da che punto si parte. Io sono alta 1,73 e partivo con la prima gravidanza da 55 kg e con la seconda 53 kg, quindi i chili presi erano proporzionati al mio peso di partenza.

Eliminare i carboidrati nell’ultimo trimestre di gravidanza. Falso.

Se non ci sono controindicazioni mediche, perché?

Il mio nutrizionista mi aveva consigliato di variare la dieta con diversi tipi di cereali – quindi pasta integrale, riso, orzo, farro – mangiare tanti legumi (gonfiano un po’ ma tanto in gravidanza…) e ovviamente verdura, frutta, carne, pesce, uova e formaggio.

Occhio ai condimenti.

Il nutrizionista si è sempre raccomandato di fare attenzione ai condimenti. Del tipo: evita sei giri di olio sopra la pasta, i sughi troppo elaborati e i fritti.

Perché i veri nemici della dieta in gravidanza non sono i carboidrati, ma come vengono cucinati e conditi i piatti.

Anche perché spesso capita di essere troppo rigide a pranzo, per poi arrivare a morire di fame un paio di ore dopo (vogliamo parlare degli attacchi di fame in gravidanza?) e assaltare la scatola dei biscotti o di cioccolato.

Dall’altra parte è anche vero che in gravidanza non bisogna mangiare per due, ma due volte meglio.
L’apporto calorico, nel terzo trimestre, mi spiegò il mio nutrizionista, è circa di 500 calorie in più al giorno.
Più o meno un bel piatto di pasta abbondante con un condimento sano 🙂

Una corretta informazione in merito all’alimentazione sia dei bambini, sia di noi mamme in attesa è fondamentale: ecco perché ho aderito con piacere al progetto Nutripedia, la prima enciclopedia partecipata sulla nutrizione di genitori e bambini.

Elena Zauli
http://www.theyummymom.com

Proseguendo con la navigazione su questo sito acconsentirai all'utilizzo dei cookies. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close